TAG: polizia

BlackBerry PlayBook utilizzato dalle forze di Polizia

Chi possiede un tablet PlayBook lo apprezza principalmente per la sua portabilita' e per il fatto di essere molto dinamico e funzionale se usato in accoppiata con uno smartphone BlackBerry. Si tratta di un dispositivo sicuro, comodo e che si adatta a qualsiasi soluzione.

(cliccare qui per accedere al video dal BlackBerry)

Gary Bauer di Mobile Innovation ci offre un walk-through che vede il PlayBook utilizzato come uno strumento di utilità dai rappresentanti della legge per controllare le funzioni del proprio veicolo, cercare dati, fornire informazioni, gestire le attività e molto altro ancora.

Tags: PlayBook , polizia

La polizia inglese usa i BlackBerry per controllare le impronte digitali dei criminali

La polizia di Essex, una contea dell'Inghilterra orientale, ha rilasciato oggi un video su YouTube di un dispositivo mobile per raccogliere le impronte digitali. Si tratta di uno scanner per impronte digitali connesso ad un BlackBerry. Una volta raccolto l'impronta digitale questa appare sullo schermo del BlackBerry che, collegandosi con il database della stazione centrale, controlla l'identita' dell'individuo nel giro di un paio di minuti.

Questo permette agli agenti di verificare l'dentita' di ogni sospetto grazie al controllo online con la banca dati nazionale delle impronte digitali. Al momento RIM sta portando avanti questo progetto dal luglio 2011 con la Essex Police del National Policing Improvement Agency (NPIA) che necessitava di uno strumento per identificare le persone in maniera veloce ed in mobilita'.

Crackare la password del BlackBerry, un'azienda russa mette in crisi la sicurezza del BlackBerry

L'azienda russa Elcomsoft ha recentemente annunciato la nuova versione del suo software - denominato "Elcomsoft Phone Password Breaker" - che promette di poter crackare la password dei palmari BlackBerry. In particolare il Password Breaker di Elcomsoft e' in grado di estrarre - sarebbe meglio dire "indovinare" - la password del dispositivo BlackBerry tirando a indovinare tra milioni e milioni di combinazioni. Operazione denominata tecnicamente "brute force" o attacco di "forza bruta".

C'e' un requisito affinche' il Password Breaker possa essere applicato e cioe' che l'utente abbia abilitato la protezione appunto tramite password dei file contenuti nella memoria esterna microSD. Senza di questa il crack non ha alcuna possibilita' di essere messo in atto. E' importante sapere che questo successo arriva comunque dopo ben 12 anni di tentativi e a questo punto la palla passa in mano a RIM per mettere a posto le cose con un prossimo aggiornamento.