L'acronimo BBM entra nel dizionario Inglese Collins

Noi utenti BlackBerry sappiamo esattamente cos è il BBM. Utilizziamo la messaggistica istantanea di RIM tutti i giorni per rimanere in contatto con i nostri amici, colleghi e spesso anche con i nostri clienti per chi lo usa in ambito business. L'acronimo BBM e' utilizzato ogni giorno da milioni di utente tanto da essere incluso nell'ultima edizione del Dizionario Inglese Collins.

(cliccare qui per accedere al video dal BlackBerry)

Non c'è dubbio che questa decisione riflette la straordinaria popolarità del servizio BlackBerry Messenger. Dalle sue umili origini come strumento di messaggistica aziendale BBM è oggi utilizzato da oltre 56 milioni di persone in tutto il mondo. Solamente in Sud Africa oltre il 98% dei clienti BlackBerry utilizzano il BBM.

L'annuncio di Collins rafforza una miriade di recenti riferimenti culturali al BBM. Come non ricordare lo sprinter Usain Bolt, oro olimpico a Londra 2012 che in un'intervista rilasciata subito dopo la vittoria confermava:"Tutto quello che desidero fare ora è ringraziare alcune persone sul mio BBM....".

Non e' mancata nemmeno la dichiarazione ufficiale di RIM con T.A. McCann, Vice President, BBM and Social Communities che ha commentato: "L'aggiunta nel dizionario inglese Collins dell'acronimo BBM riconosce il suo status come uno dei piu' popolari social network mondiali per reti mobili Negli ultimi anni, il termine 'BBM' ha trasceso le sue origini tecnologiche per diventare un marchio che fa parte del linguaggio quotidiano di milioni di persone in tutto il mondo. Lo stesso servizio continua ad evolversi per condividere contenuti, creare gruppi e persino inviare aggiornamenti di stato da altra social network come Facebook e Twitter. Siamo onorati che una parola usata quotidianamente da milioni di nostri clienti è stato ufficialmente accolta nella lingua inglese."

Abbiamo il sospetto che il BBM potrebbe essere utilizzato anche più ampiamente l'anno prossimo, una volta rilasciato il BlackBerry 10.

comments powered by Disqus