WhatsApp e la truffa dei 100 Euro di multa

WhatsApp e la truffa dei 100 Euro di multa

WhatsApp è certamente l'applicazione più amata ed utilizzata da tempo e, proprio per questo, sempre più spesso è oggetto di truffe ed imbrogli. Da qualche settimana numerosi utenti italiani segnalano la ricezione di uno strano messaggio WhatsApp firmato dalla Polizia Postale che invita a pagare una multa pari a 100 euro per "violazione di legge".

All’interno dell’ormai sconfinato mondo degli smartphone, esistono molteplici aspetti che contribuiscono a rendere davvero unico tutto ciò che gira intorno a questi dispositivi che attualmente risultano davvero indispensabili. Purtroppo, parte integrante degli smartphone di ultima generazione sono anche le truffe.

Secondo quanto emerso da alcune verifiche effettuate proprio durante questi ultimi giorni, una nuova truffa sta mettendo in ginocchio gli utenti di WhatsApp meno esperti. Ad evidenziarlo non è altro che la Polizia Postale, che spiega come ci sia in circolazione una truffa fosse articolata che riporta tali parole:

”a causa di alcune connessioni illegali online, questo dispositivo sarà bloccato e tutti i file al suo interno contenuti verranno criptati fino al pagamento della multa.”

Dopo pochi secondi, questa finestra scomparirà e ne comparirà un’altra con scritto:

“La Polizia italiana avverte che l’accesso a internet è ora limitato a causa della suddetta violazione di legge. Tutte le azioni compiute su questo dispositivo sono state interamente registrate. Tutti i file sono stati criptati. La dimensione della multa è pari a 100 euro. Se si lascia trascorrere un tempo di 24 ore senza pagare, l’account Google sarà bloccato e sarà utilizzato per un procedimento penale. La multa può essere pagata tramite l’apposito voucher PaySafeCard. PaySafeCard è disponibile in tutta sicurezza in Italia”.

In molti, credendo di essere alle strette, hanno pagato senza informarsi scoprendo poi di trovarsi nel bel messo di una truffa enorme. Per cui fate attenzione ed evitate di credere a tali situazioni.
 

comments powered by Disqus