Ford assume 400 ingegneri BlackBerry per l'auto connessa

Ford assume 400 ingegneri BlackBerry per l'auto connessa

Ford Motor Co. Sta assumendo 400 ingegneri provenienti dall'unità di soluzioni per la mobilità di BlackBerry per espandere le proprie competenze ed affrontare il futuro delle automobili connesse.
Ford aprirà una sede di Research and Engineering Center a Ottawa per ospitare tutti questi dipendendi. Gli ingegneri BlackBerry sono stati valutati perché hanno una vasta esperienza con il sistema operativo QNX che altro non è che la base del sistema di infotainment di prossima generazione SYNC 3 di Ford.

BlackBerry ha affermato come:

“Visto il passaggio di PIVOT dall'hardware al software, stiamo riconfigurando il nostro business per sostenere la sicurezza enterprise, automobilistica e software embedded. Questo perno strategico coinvolge la licenza del nostro marchio ai produttori di hardware per lo sviluppo di dispositivi, la costruzione di soluzioni software per il fissaggio dell'Enterprise of Things e del mercato automobilistico in cui abbiamo una collaborazione significativa con Ford Motor Company. Nell'ambito di tale collaborazione, circa 400 dei nostri qualificati tecnici delle mobile solutions in Canada e negli Stati Uniti hanno accettato l'offerta per passare da BlackBerry a Ford. La mossa ci permette di concentrare tutte le nostre risorse sulla nuova strategia. Non ci sono ingegneri di BlackBerry QNX nel trasferimento. Gli ingegneri BlackBerry QNX continuano a sviluppare tecnologia di base per l'industria automobilistica. Questo trasferimento permette a Ford di raddoppiare la sua forza lavoro nell'ingegneria della connettività e accelerare i suoi sforzi per costruire soluzioni in-house. Per quanto riguarda i dipendenti trasferiti, hanno la possibilità di mettere la loro esperienza a disposizione di un leader nel settore automotive. Si tratta di una win-win per entrambe le società, nonché per i dipendenti.”

Il Global Director di Ford per la Electrical and Electronic Systems Engineering, Chuck Gray sottolinea che

questo gruppo si concentrerà sulla mobilità e la connettività per gettare le fondamenta per veicoli autonomi:

“Ovviamente hanno competenze profonde, in software embedded, nei dispositivi mobili, in termini di connettività e quando si guardano i sottoinsiemi di prodotti in cui lavorano - lavorano in RF, lavorano in hardware, lavorano a livello di chip, lavorano in esercizio di sistemi, hanno una reputazione rinomata per la sicurezza e la stabilità quindi è stato davvero un buon adattamento.”

L'obiettivo immediato sarà la costruzione di diversi cluster di connettività per creare un fondamento per le piattaforme di auto-guida che diventeranno prevalenti nei prossimi anni. All'inizio di quest'anno BlackBerry QNX ha rilasciato la piattaforma QNX Software Development 7.0 che sta iniziando a consentire a più sistemi in-car di eseguire la sicurezza infotainment critica in modo indipendente fuori di uno system on a chip.

La nuova forza lavoro in Ford è esperta nella costruzione con i sistemi operativi, tecnologie radio, livello di chip e altri componenti hardware che soddisferanno i disegni di tecnologia-centric di molti veicoli di nuova generazione.

Ci saranno squadre in tutto il Canada a Ottawa, Waterloo, e Oakville, così come nel Nord Carolina e in Florida negli Stati Uniti. Dato che lo scopo di questa connettività diventa più importante per le case automobilistiche, squadre come queste sono destinati a crescere con le esigenze del mercato.

Facciamo notare che questo annuncio da parte di Ford non è altro che quanto abbiamo ribadito in questo nostro articolo. Ovvero si tratta di ingegneri e dipendenti BlackBerry che stanno intentando una class action contro la maison canadese in quando affermano di essere stati obbligati' al passaggio a Ford perdendo, di fatto, tutti i diritti acquisiti come liquidazioni e ferie pagate. Ovviamente sarà il tribunale a fare chiarezza su questi ultimi punti visto anche le dichiarazioni dell'ufficio stampa del CEO John Chen racchiuse in questo articolo.

comments powered by Disqus